FANDOM


398px-Mario Furlan

Mario Furlan

Mario Furlan (Milano, 26 novembre 1964) è un giornalista, scrittore e docente italiano, noto per essere il fondatore dei City Angels.

Cenni biograficiModifica

E' cresciuto ad Albissola Marina, dove ha ricevuto la prima educazione ed istruzione. Fondatore e presidente dei City Angels, l'associazione di volontari di strada d'emergenza che ha istituito nel capoluogo lombardo nel 1994 e che operano, oltre che a Milano, anche a Roma, Napoli, Torino, Palermo, Genova, Bologna, Messina, Padova, Brescia, Reggio Emilia, Terni, Novara, Salerno, Sassari, Como e Varese, ha ricevuto vari riconoscimenti per il suo impegno sociale, tra cui l'Ambrogino d'oro e la qualifica di membro onorario del Rotary Club.

Laureato nel 1989 in scienze politiche all'Università Cattolica di Milano, è PhD in psicologia alla New York University e trainer in PNL. È giornalista professionista dal 1989, formatore, life coach. In Italia è stato il primo docente universitario di Motivazione: insegna "Motivazione e crescita personale" all'università Ecampus di Novedrate (Como), a Roma e a Messina. È stato docente di Teoria e tecnica della comunicazione all'Università Cattolica di Milano e docente di Motivazione all'Università LIUC di Castellanza (Varese).

E' nipote dell'artista Ettore Gambaretto.

Opere e attivitàModifica

Giornalismo e scritturaModifica

Collabora con numerose testate giornalistiche, tra cui i quotidiani Metro e Il Giorno, di cui è opinionista. Conduce programmi televisivi su lavoro, formazione e motivazione. Nel 2009 ha condotto su Canale Italia il primo programma televisivo italiano sul volontariato: "Vita e solidarietà".

È istruttore di due arti marziali, Krav Maga e Jeet Kune Do, e di autodifesa. È tra i primi in Europa ad aver approfondito il tema dell'aspetto psicologico dell'autodifesa: è infatti l'ideatore dello psicokrav, la psicologia applicata al krav maga e all'autodifesa in genere.

Nel 2000 è stato pubblicato il suo best-seller motivazionale "Risveglia il campione in te!" (oltre 40mila copie vendute), giunto nel 2010 all'ottava edizione.

Nel 2001 ha fondato l'osservatorio giornalistico Mediawatch, di cui è ora presidente onorario.

Nel 2009 ha scritto il primo manuale italiano sull'autodifesa psicofisica rivolto alle donne, "Donne basta paura".

Impegno con i City AngelsModifica

Ha fondato (2007) a Milano con i City Angels "Casa Silvana", il primo dormitorio d'emergenza per clochard d'Italia, l'unico dormitorio in Italia per tre caratteristiche: è aperto tutta la notte, accoglie anche gli animali domestici dei senzatetto e non è unisex (accoglie anche le coppie, oltre alle famiglie). È promotore (2007) di un progetto di legge bipartisan per la tutela dell'infanzia violata, che ponga fine al fenomeno dei minori di 14 anni (soprattutto rom) costretti da genitori o parenti a commettere reati come scippi e borseggi e a prostituirsi. Sempre nel 2007 ha fondato, con alcuni capi nomadi, l'Associazione Rom per la legalità e contro il razzismo[1], per dimostrare che anche i rom onesti chiedono più sicurezza e rigore.

Impegno socialeModifica

Ha fondato nel 2001 il premio "Il Campione", che si tiene ogni anno nella Sala consiliare della Provincia di Milano e che premia personaggi noti e non che rappresentano un modello positivo a cui ispirarsi. Nella giuria del premio siedono i Direttori di alcuni tra i principali quotidiani italiani, tra cui il Corriere della Sera, La Repubblica,la Gazzetta dello Sport, il Sole 24 Ore, La Stampa, Il Giornale, Libero. Tra i vincitori dell'edizione 2008 il calciatore della Nazionale e del Barcellona Gianluca Zambrotta, testimonial dell'Associazione italiana sclerosi multipla. Tra quelli dell'edizione 2009 l'attrice Sarah Maestri. Nel 2010 il premio è stato conferito, tra gli altri, alle maestre della scuola elementare Elsa Morante di Milano che hanno accolto in casa i bambini rom in seguito a uno sgombero del loro campo, consentendo così ai piccoli di proseguire gli studi.

NoteModifica

  1. Nasce l'associazione ROM per la legalità

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica